Il polpo, il cui nome scientifico è Octopus vulgaris, è un cefalopode della famiglia Octopodidae. Nel linguaggio comune non è raro che venga chiamato anche polipo: tuttavia, come ha chiarito la stessa Accademia della Crusca, si tratta di un errore, andrebbe sempre chiamato polpo.

Questo mollusco cefalopode è presente in tutti i mari ed è molto diffuso anche nei fondali del mar Mediterraneo. La pesca del polpo è concentrata in alcuni periodi dell’anno: nel corso della stagione invernale, tra settembre e dicembre e in tarda primavera-estate, ossia tra l’inizio di giugno fino a tutto luglio.

Il polpo è un alimento a basso contenuto calorico: una porzione da 100 g apporta solo 57 kcal. Questo lo rende un alimento adatto anche a chi sta seguendo un regime dietetico ipocalorico.

Si tratta di un alimento povero di carboidrati e di grassi (l’1% del peso circa) ma ricco di proteine: queste ultime rappresentano circa il 10% del peso.

Molto interessante anche l’apporto di sali minerali, soprattutto potassio, ferro, calcio e fosforo.

Ecco la proposta del ristorante DOU di Milano per deliziare i propri ospiti con una speciale rivisitazione:

  • Polpo in salsa piccante con cetrioli e pompelmo